La nostra metodologia

 “La maggior parte della gente va dicendo per anni ad amici, terapeuti e coniugi quello che avrebbe dovuto dire a genitori e fratelli e non ha mai detto” J.L. Framo

 

Nel lavoro clinico fondiamo il nostro operato su una comune formazione analitica basata sulle teorie elaborate dal dottor Vittorio Volpi (psicoanalista milanese, 1936-1998), che coinvolge il genitore dello stesso sesso (genitore omologo) nelle sedute della persona  seguita.

La presenza del genitore in seduta, oltre a permettere un’analisi più profonda della situazione, aiuta a diminuire la distanza tra genitore e figlio e a ristabilire una buona comunicazione.  

La relazione e il rispecchiamento della figlia con la madre e del figlio con il padre, è funzionale alla formazione di un’identità specifica; li fa sentire riconosciuti e amati nella propria individualità. Il rapporto con la propria famiglia  e la riscoperta dei propri legami familiari è basilare per il benessere di ogni individuo.

Il genitore omologo, quindi, partecipa al colloquio in quanto con la sua presenza e con le informazioni che riporta è una risorsa preziosa e un sostegno imprescindibile per il proprio figlio e anche per lo psicologo.

Quando il suo coinvolgimento è impossibile, il lavoro viene fatto sul ricordo dell’esperienza passata.

Sosteniamo  inoltre il singolo, la coppia e la famiglia attraverso:

  • l’ascolto emotivo quale strumento per la comprensione profonda delle dinamiche personali e relazionali dell’altro

  • l’abbraccio tra genitore omologo e figlio quale strumento per ristabilire e rinforzare l’identità del figlio

  • le tecniche espressive e creative  che, attraverso il linguaggio simbolico, facilitano l’espressione dei sé e permettono di agire efficacemente sulle problematiche personali.

 

 

" I genitori possono donare ai figli solamente due cose:

le radici e le ali". Proverbio